Archivio | Uncategorized RSS feed for this section

il pesto delle 15h15

1 Set

 

 

Oggi è una di quelle giornate in cui non faresti niente. Invece io mi sono ci mentato in una ricetta abbastanza facile: il pesto! ma non il solito pesto con pinoli,basilico e/o variazioni ma il pesto di ortiche.Si,di ortiche! perchè io sul mio balcone coltvivo una piccola pianta di ortica.Ma alla fine come si fa?? prima di tutto dovete frullare le foglioline di un mazzetto di ortiche (strappateli con i guanti poi una volta lavati e asciugati non pungono più), insieme a un cucchiaio di pinoli tostati, mezzo spicchio d’aglio, un cucchiaio di succo di limone, una presa di sale grosso e un pezzettino di parmigiano. Aggiungere un bel po’ di olio evo, quanto basta per ottenere un pesto non troppo pastoso.
Utilizzi: il pesto di ortiche (che fra l’altro è ricco di ferro e calcio) è buonissimo, usatelo laddove vi pare, ottimo sulle patate bollite a mo’ di insalata, sugli gnocchi, nelle zuppe di radici (carote, patate dolci …) e volendo persino negli spaghetti con le vongole (visto che le ortiche hanno quel sapore un po’ fra gli spinaci e le alghe… 🙂

piesse: voi vi chiederete ma dove cavolo si trova una pianta di ortica? in genere si trovano in campagna, o li trovi al mercato del contadino (certo che è un po’ il colmo, voglio dire, comprare le ortiche al mercato quando si è cresciuti in campagna odiando quelle terribili ortiche che invadevano ogni angolo di natura incolta e aggreddivano i polpacci nudi – d’altronde, che dobbiamo ffa, siam messi così…). C’è però una terza via. E infatti le mie ortiche sono aggratis, ad agricoltura integrata e a chilometro zero, anzi, a metro su per giù 3. Già. Perché le ho coltivate io!

 

Pizza allo stracchino e salame piccante

12 Giu

Pizza allo stracchino e salame piccante

Cosa  occorre per 4 pizze medie

  • per l’impasto base:
  • 500 gr di farina 0
  • 250 ml di acqua tiepida
  • 7 gr di lievito disidratato
  • 2 cucchiani di zucchero
  • 1 cucchiaino di sale
  • 2 cucchiai di olio evo
  • per la salsa di pomodoro:
  • 250 gr di pomodori pelati
  • 1/2 carota
  • 1/2 cipolla
  • 1 gambo piccolo di sedano
  • sale
  • olio evo
  • origano essiccato
  • per farcire le pizze:
  • basilico fresco
  • stracchino
  • Parmigiano Reggiano grattugiato
  • salamino piccante
  • olio evo

Come procedere

  1. Metti la farina, lo zucchero, il lievito e l’olio d’oliva in una grande terrina e aggiungi l’acqua.
  2. Mescola aiutandoti con una forchetta, aggiungi il sale.
  3. Lavora l’impasto su un piano infarinato per almeno 10 minuti.
  4. Forma una palla con l’impasto e sistemalo nella terrina che avrai unto con un filo di olio.
  5. Copri con pellicola e lascia lievitare per 2 orein luogo tiepido.
  6. Quando l’impasto ha raddoppiato di volume, impastalo nuovamente per qualche minuto.
  7. Lascia riposare l’impasto per altri 20 minuti.
  8. Prepara il condimento: trita nel mixer la cipolla, il sedano, la carota ed i pomodori pelati.
  9. Cuoci a fuoco dolce, aggiungi un pizzico di sale e quando la salsa si sarà ristretta diventando cremosa aggiungi a fuoco spento un filo di olio e l’origano essiccato.
  10. Stendi l’impasto della pizza con i polpastrelli nella teglia o nelle teglie che desideri  utilizzare che avrai foderato di carta forno e unte leggermente di olio.
  11. Preriscalda il forno a 220°C.
  12. Spalma la salsa di pomodoro sulle basi di pizza.
  13. Distribuisci il salamino piccante, lo stracchino e cospargi con il Parmigiano.
  14. Inforna per 10 minuti o finché la pasta è dorata e croccante.
  15. Guarnisci con foglioline di basilico fresco e gusta.

Cake con olive, timo e rosmarino

7 Giu

Domani sera cena di fine anno di scuola.Cosa cucinare in un periodo cosi afoso?? 😀 ebbene ho avuto questa ricetta sfiziosa!

farina 150g

uova 2

panna 4 cucchiai

olio d’oliva 4 cucchiai

olive nere 100g

olive verdi 100g

lievito 1 cucchiaino

timo,rosmarino,sale e pepe mezzo cucchiaino

Rompere le uova in una ciotola, aggiungere il sale e il pepe. Sbattere le uova con una frusta fino a quando il composto sarà spumoso. Aggiungere poi le erbe aromatiche, la panna e l’olio. Far scendere la farina e il lievito da un setaccio e incorporare. Aggiungere infine le olive, tritate grossolanamente, e mescolare con un cucchiaio di legno. Versere l’impasto negli stampini imburrati (potete usarne uno grande, da plum cake, io ne ho riempito 4 da mini-pane). Cuocere per una ventina di minuti a 170°, fino a quando i cake saranno gonfi e dorati.

Brioche rustica

31 Mag

[Scusatemi se sono mancato tanto tempo ma ho dovuto studiare molto,ma adesso sono sicuro che mi occuperò del blog]

 

Oggi la ricetta è dedicata ai bambini! Molte volte si trovano piccoli avanzi di cibo nel frigo.Allora noi non sappiamo che farci,vero mamme?!? 🙂 Questa ricetta è per la merenda delle 17.00 anche per i compagni di scuola. Vi volevo ricordare del numero che si può digitare per inviare 2 euro per i terremotati dell’emilia romagna  inviate  un SMS al 45500. Io partecipo al progetto Foodblogger per l’emilia .FORZA EMILIA!!!!

INGREDIENTI:

300 GR DI FARINA (150 gr farina “0″ e 150 gr farina “00″)

50 GR DI OLIO DI OLIVA

1/2 CUBETTO DI LIEVITO BIRRA

2 UOVA

50 GR DI LATTE INTERO TIEPIDO

1/2 CUCCHIAINO DI SALE

1 CUCCHIAINO DI ZUCCHERO

UN PIZZICO DI PEPE

70 GR DI FORMAGGI (Tipo provolone,scamorza,gruviera,ecc)

70 GR DI SALUMI (Tipo salame,mortadella,prosciutto crudo,ecc

In una capiente ciotola (io usato direttamente la ciotola dell’impastatrice) unite il lievito,il latte e lo zucchero e lasciate riposare 10 minuti.Mescolate bene per far sciogliere il lievito e unite tutti gli altri ingredienti lasciando da parte solo il salume e il formaggio.Impastate a lungo e lasciate lievitare per circa 30 minuti in un luogo caldo coperto da un panno .Riprendete l’impasto unite il salume e il formaggio tagliato a piccoli cubetti e lasciate lievitare per un’altra ora.Passato questo tempo mescolate leggermente per far “sedere” di nuovo l’impasto e versatelo in uno stampo,io ho usato uno da plum cake da 1 litro e le semisfere della Silikomart per ottenere dei panini.Lasciate riposare fino a quando non avrà raddoppiato di volume e infornate in forno già caldo a 200° per circa 25-30 minuti.Lasciate riposare 5 minuti nel forno spento e servite la brioche calda.

challah (pane ebraico)

20 Apr

Il challah viene solitamente servito il giorno dello shabbat e all’occasione degli altri giorni di festa. In genere vengono posati due pani, a forma di treccia più o meno complessa, su una tovaglia tradizionale ricamata, a simbolizzare la manna. Il challah è un pane ricco, con una mollica abbondante, a metà strada tra il pane bianco e la brioche. Si può consumare con i piatti agrodolci della tradizione ebraica o, più semplicemente, a collazione, con marmellata.

farina 500g uova 2 burro 6 cucchiai sale 2 cucchiaini lievito fresco 20g acqua tiepida 2 dl zucchero 2 cucchiai

per la glassa: tuorlo 1 acqua 1 cucchiaio semi di papavero 1 cucchiaio

Setacciare la farina e il sale sul piano di lavoro. Mescolare il lievito con l’acqua e lo zucchero. Scavare un pozzo in mezzo alla farina e versarci il composto al lievito. Aggiungere il burro a pezzetti e le uova e impastare gradualmente tutto quanto. Impastare per 10 minuti su un piano di lavoro spolverato con della farina fino a ottenere un impsato liscio e elastico. Porre l’impasto in un recipiente unto con poco olio, coprire con un foglio di pelicola unta anche lei e far lievitare per un’ora fino a quando il volume dell’impasto si sarà radoppiato. Riprendere il panetto e impastare nuovemente per pochi minuti. Rimettere a lievitare per un’ora. Reimpastare e dividere l’impasto in tre pezzi uguali, srotolarli per formare tre cilindri lungho una quarantina di cm. Su una teglia rivestita con carta da forno formare una treccia, coprire di nuovo con pellicola oleata e lasciar lievitare per 45 minuti. Scaldare il forno a 200°. Sbattere il tuorlo con l’acqua e spenellarne la superficie del pane, distribuire poi i semi di papavero. Cuocere il pane per 35-40 minuti finché sia bello dorato e farlo rafreddare su una grata.

Dalle origini

15 Apr

20120416-011621.jpg

Fin dalla piu’ tenera età ho sempre amato cucinare.Negli anni,grazie a mia nonna ho imparato molte cose!
Da qualche anno avevo l’idea di aprire un blog pero’ non mi andava,ero molto pigro.
La mia partenza e’ quella di creare una cucina semplice,facile e sfiziosa ma soprattutto alla portata di tutti,in modo che tutti posso imparare a cucinare.
La cucina sarà essenzialmente composta da ricette di famiglia.Ma questo non vuol dire che proverò nuove avventure! 🙂
Spero che vi piaccia questo blog,
Francesco

Photo Credits fabio pagani (www.fabiopagani.it)