Archivio | cultura culinaria RSS feed for this section

La colazione nel mondo

2 Mag

In giro per il mondo si trovano tante buone pietanze e piatti curiosi, dalla cucina mediterranea a quella francese, dal cous-cous alle tarantole fritte, il mondo culinario è davvero singolare da questo punto vista. Ma altrettanto curiosa ed originale è la colazione in giro per i continenti. Il pasto più importante della giornata, quello che ci dà la carica per affrontare una lunga giornata di lavoro o studio, ha  diverse varianti. Lo sapevate che in Italia prima della Grande Guerra si era soliti mangiare per colazione gli avanzi della sera prima, a volte del pane o della polenta ammorbiditi nel latte e che è solo dopo, a partire dalla prima guerra mondiale che si è diffuso il modello usato dall’esercito per le reclute a base di latte, caffè e gallette.

Ma andiamo con ordine. In Italia la colazione più consumata è quella del cornetto e cappuccino al bar, di solito in buona compagnia, ma si consumano volentieri anche caffè, latte, marmellate, cereali, yogurt, e per i palati più golosi non esiste buon risveglio senza la nutella. I francesi sono amanti della pasta sfoglia e della pasticceria, per cui non possono assolutamente mancare i croissant e le gustose madeleines, una colazione molto simile alla nostra, di fatti anche in Francia iniziano la giornata con del caffè.Mentre l’English breakfast o full breakfast è consumata in tutti i paesi anglosassoni ed è sicuramente una prima colazione molto ricca e calorica. L’english breakfast è definita anche la colazione internazionale e si compone principalmente da piatti salati come uova, salsicce e bacon, ma anche pane tostato col burro e il porridge. Gli USA seguono molto il modello anglosassone anche se non possono mancare i famosi pancake con lo sciroppo d’acero e le ciambelle. Una colazione così calorica è dovuta al fatto che solitamente cenando molto presto, intorno alle 18:00, fanno un pranzo molto leggero o comunque contenuto.In India i piatti della prima colazione sono molto diversi. Si va dal pane chapati agli involtini di riso e cocco, dolci a base di carry, riso e banane. Usuali sono anche delle ciambelline salate, fritte e speziate al ginger o col coriandolo. Nel continente nero invece la colazione varia da regione a regione. Nel nord africa si usa bere del tè alla mente con pane o le M’smmens (delle tipiche crêpe fatte con solo acqua e farina e condite con miele e/o della cannella). In Egitto si può mangiare anche una pietanza a base di fave mentre in Senegal e nel Gambia si prediligono le arachidi accompagnate da un impasto di miglio, pomodori e verdure.Insomma per usare un detto: Paese che vai, usanze che trovi! L’importante è non disprezzare mai le culture e gli usi e costumi altrui, ma sapere sempre essere aperti al rispetto delle abitudini diverse dalle nostre.

Annunci